M*RDA

M*RDA! è molto più di un percorso di alta formazione.

La A.S.C. Teatro Della Dodicesima, da trent’anni uno dei più apprezzati centri di formazione teatrale e culturale di Roma, non si arrende alle avversità e, ringraziando il continuo sostegno della comunità teatrale, presenta la prima edizione della sua nuova residenza-studio M*RDA! (Messa in scena in Residenza Drammaturgica per Attor*), un innovativo percorso artistico a cadenza annuale finalizzato all’alta formazione drammaturgica, alla collaborazione professionale ed alla produzione di uno spettacolo in prosa da presentare e distribuire a festival, teatri e scuole, dando così l’opportunità a sette nuovi talenti d’inserirsi nel mondo dello spettacolo.

A CHI È RIVOLTO IL PROGETTO?
Ad attori e attrici maggiorenni, italiani e stranieri (purché domiciliati in Italia), che abbiano una formazione teatrale di almeno tre anni senza limiti d’età.

PERCHÉ SCEGLIERE LA RESIDENZA-STUDIO?
MRDA! è molto più di un percorso di alta formazione. Questo programma nasce dalla necessità di aiutare attori e attrici ad inserirsi nel mondo dello spettacolo, soprattutto in tempi difficili come questi. In questa residenza-studio non solo avrai l’opportunità di studiare ed essere seguit*, passo dopo passo, da rinomati professionisti e docenti del mondo teatrale italiano e internazionale, ma entrerai a far parte di un vero e proprio cast e gruppo di professionisti del settore, con i quali lavorerai, in sinergia, nella produzione di un nuovo spettacolo che verrà distribuito a livello nazionale. Proprio per agevolare l’inserimento nel mondo dello spettacolo, la produzione (A.S.C. Teatro della Dodicesima) e il programma assicurano a tutti i residenti un numero iniziale minimo di 3 repliche pagate, con la paga base prevista per l’allievo/a attore indicata nel C.C.N. del personale artistico, tecnico ed amministrativo, ed una tournée estiva ed invernale per l’A.A. 2021/22. Inoltre, tramite prenotazione alla segreteria didattica e secondo la disponibilità, durante tutto il programma i partecipanti potranno usufruire gratuitamente, da soli o in gruppo, tanto del palcoscenico quanto delle sale e degli spazi artistici e polifunzionali del Centro per creare e provare.

TUTOR DI DOCENZA

Alessandro Machìa: regista e pedagogo teatrale ha diretto i più grandi nomi della scena teatrale italiana (Paolo Graziosi, Paolo Bonacelli, Mascia Musy, Alessandro Averone, Alessandra Fallucchi…). In Italia è il più autorevole interprete di Jon Fosse, considerato il più importante drammaturgo norvegese vivente.

Silvia Perelli: docente del Centro Sperimentale di Cinematografia ed autrice del metodo “L’attore fisico. Come utilizzare il movimento per l’immedesimazione del ruolo” ed. Dino Audino.

PROGRAMMA DI LAVORO E PERCORSO ARTISTICO

La pièce scelta per la messa in scena per l’anno 2021 è la TRILOGIA DELLA VILLEGGIATURA di C. Goldoni.
PREMESSA
La Trilogia della villeggiatura è la fotografia bruciante della fine di un mondo ed allo stesso tempo l’annuncio del sorgere implacabile del nuovo mondo, quello della borghesia, della società del debito e del credito, dell’utile, che da lì a poco trionferà completamente.

Goldoni annuncia appunto il dramma borghese e il suo luogo d’elezione è la stanza, l’interno; anche quando si è in esterni, come nelle Avventure, l’esterno continua a valere come un interno, non è luogo di libertà ma rimane un luogo codificato, immerso nella rappresentazione.

Lo spazio della Trilogia è lo spazio della rappresentazione, in cui tutti i personaggi si mettono in scena, si rappresentano, in una sfrenata corsa per sembrare ciò che non sono. Ognuno è l’altro e nessuno è se stesso, l’esposizione allo sguardo, al giudizio e alla parola – che è sempre potere – in questo capolavoro di Goldoni è pressoché totale.

REGIA – Alessandro Machìa
Il lavoro che si farà con l’attore durante il laboratorio sarà quello di esplorare questa condizione di piena esteriorità dei personaggi, di esposizione allo sguardo e al giudizio. Attraverso improvvisazioni e etjud, le azioni verbali e fisiche che partono da un’attenta ermeneutica del testo, si lavorerà sul rappresentarsi, sulla relazione, sulla parola come luogo di manifestazione del potere, nella sua relazione con la distanza; si vedrà come il corpo reagisce a questo dominio dell’esteriorità, si andrà alla ricerca di quegli spazi interni dei personaggi per ritrovare quella interiorità sottratta alla necessità dell’apparire.
L’ATTORE FISICO – Silvia Perelli
Il lavoro sul corpo intende rendere plastico il pensiero del regista e rappresentare fedelmente la chiave di lettura attraverso cui propone di attraversare lo spazio tempo della trilogia.
Il lavoro con gli attori si organizzerà in tre fasi:
preparatoria;
condivisa;
specifica.

Fase preparatoria
Immersione nel metodo “l’attore fisico” ;
analisi posturale, riorganizzazione schemi motori, grafica dello spazio, lettura fisica del ritmo, il linguaggio del corpo e il discorso musicale, dalla forma al gesto, il corpo che parla e la parola fisica.

Fase condivisa
L’esperienza della fase preparatoria viene immediatamente esercitata nel lavoro a due mani con il regista nella conduzione di movimento corale delle scene e di movimento di ogni singolo personaggio.

Fase specifica
Si procederà ad un lavoro individuale per l’immersione nel corpo del personaggio.

GIORNI ED ORARI DI LAVORO

Maggio 2021: tre incontri a settimana della durata di quattro ore ciascuno nei giorni di lunedì, mercoledì e venerdì dalle ore 19:00 alle ore 23:00;
Giugno 2021: tre incontri a settimana della durata di cinque ore ciascuno, nei giorni di lunedì, mercoledì e venerdì dalle ore 18:00 alle ore 23:00;

Ore di lavoro totali: circa 110 più prova generale e tre repliche.

La residenza ha inizio mercoledì 5 maggio 2021.

QUOTE

La partecipazione al progetto prevede il versamento, da parte degli attori e attrici che saranno selezionati, di una quota di € 700,00 così suddivisa:
€ 250,00 da versare al momento della firma del contratto;
€ 270,00 entro il 15 giugno 2021;
€ 180,00 entro il debutto dello spettacolo.
Oltre a queste non sono previste altre quote o spese a carico degli allievi.

ISCRIZIONI

Sono già aperti i provini per la selezione di sette attori e/o attrici maggiorenni che abbiano una formazione teatrale di almeno tre anni.

Per il provino sono richiesti:
un monologo di massimo 4 minuti;
uno dei dialoghi indicati dalla Produzione tratti dalle opere: “La bottega del caffè” o “Gli innamorati” di C. Goldoni, che è possibile scaricare cliccando sul nome.

Per inviare la tua candidatura e prenotarti ai provini è necessario mandare il tuo cv ed una tua foto all’indirizzo mail: info@teatrodelladodicesima.it, fino al 7 aprile.
Le iscrizioni sono gratuite entro le 21:00 del 15 marzo (“early bird”). Per le candidature presentate successivamente si dovrà versare una quota di € 10,00 per le spese di segreteria tramite bonifico bancario a:

INTESTATARIO: Ass. Spinaceto Cultura
IBAN: IT98S0832703268000000000283
CAUSALE: CANDIDATURA TRILOGIA (TUO NOME E COGNOME)

Questa quota, in caso di partecipazione al progetto-residenza, ti verrà stornata dalla prima rata.
I provini si svolgeranno entro il 17 aprile 2021.
Il giorno e l’orario del provino ti sarà comunicato tramite e-mail.

Torna su