Corsi Di MUSICA




 

CORSO GIORNO DI SVOLGIMENTO
CANTO LIRICO E MODERNO Martedì e Giovedì
CHITARRA Lunedì e Giovedi
BASSO ELETTRICO Lunedì
BATTERIA Mercoledì e Giovedì
PIANOFORTE Lunedi e Venerdì
EDUCAZIONE MUSICALE 0-5 ANNI Martedì
 LABORATORIO MUSICA INSIEME  Venerdì 17:00/19:00

Corsi di Musica

CHITARRA
Maestri Mauro Gregori e Pietro Libro

BASSO
Maestro Alessandro Cefali

BATTERIA
Maestro Stefano Falcone

PIANOFORTE
Maestro Alessandro Sauzzi

EDUCAZIONE MUSICALE
Maestro Pietro Libro

Chitarra
Insegnanti: M° Pietro Libro
Giorno di lezione: giovedì e lunedì

Pietro Libro ha cominciato lo studio della chitarra da autodidatta a 12 anni, proseguendo lo studio della chitarra classica e chitarra moderna privatamente fino ai 18 anni, approfondendo lo studio della chitarra jazz con Fabio Zeppettella e Dario Lapenna attuale presidente della cattedra di chitarra Jazz del Saint Louis Music College; e della armonia e composizione con il docente M° Paolo Cabras.
Dal 1992 porta avanti una intensa attività didattica. Oltre alle lezioni di strumento il M° Pietro Libro si è specializzato in propedeutica musicale con il progetto “MusicaZeroCento” rivolti a bambini dai 0-36 mesi e 3-6 anni, che insegna in asili e nidi privati, comunali e statali.

Chitarra
Insegnanti: M° MAURO GREGORI
Giorno di lezione: giovedì e lunedì

Mauro Gregori ha una conoscenza profonda dello strumento ed una vera passione per diversi stili musicali, nei quali la chitarra possa emergere come strumento solista oltre che di accompagnamento: fingerstyle, jazz manouche, bossanova, jazz americano. Dal 2002 suona in diversi locali di Roma e provincia come solista o in diverse formazioni (Red Wine Trio, Kalambur, CouCou Swing), spaziando dalla musica jazz, blues, country, al rock, con una predilezione per lo stile finger-picking; si esibisce infatti in concerti tributo a Tommy Emmanuel ed omaggiando la musica Swing Manouche nello stile di Django Reinhardt.
Dal 2000 al 2017 ho studiato chitarra con i Maestri Dario Lapenna, Francesco Mazzeo e Simone Minelli. Maggio 2018 – Tommy Emmanuel CGP Guitar Camp Scotland, lezione privata con John Knowles CGP, workshop con Tommy Emmanuel, Richard Smith, Frank Vignola, Vinny Raniolo.
Luglio 2021 – Popiglio Django Festival: corsi e workshop con Antoine Boyer, Dario Napoli, Augusto Creni.

 

Batteria
Insegnante: M° Stefano Falcone
Giorno di lezione: giovedì

Batterista con esperienza pluritrentennale ha studiato teoria musicale e batteria presso la Saint Louis Jazz School con Bruno Lagattolla ed in seguito perfezionamento con Giancarlo Aru. Sviluppa il proprio stile ed una spiccata versatilità suonando in moltissime formazioni rock, blues, funk, etno rock e pop della capitale e con artisti noti quali ad esempio Alex Britti, Francesca Schiavo ed Enrico Silvestrin. Dal 2000 inizia un sodalizio col mondo del musical esibendosi in lunghe tourneè in tutti i teatri italiani con opere come “jesus Christ Superstar” (tre stagioni , “La febbre del Sabato Sera” (due stagioni) e “Fame” (due stagioni), al fianco di Carl Anderson, Amii Stewart, Rocky Roberts, Bob Simon, Simona Bencini,  Max Gazzè,  Matteo Becucci, Mario Venuti. Oltreoceano ha inciso  per Alejandra Guzman, Reily, Kalimba, Billy F. Gibbons, Erik Rubin, Yuridia. Dal 1999 è sponsorizzato dalla UFIP earcreated cymbals di Pistoia.

Basso elettrico
Insegnante: M° Alessandro Cefalì
Giorno di lezione: lunedì

Alessandro Cefalì si forma presso l’l’Università della musica di Roma per poi proseguire gli studi privatamente con grandi bassisti e docenti come  Gianfranco Gullotto, Luca Pirozzi, Massimo Moriconi, Andrea Avena, Marco Siniscalco, Pino Saracini e Giorgio Fontana, affrontando lo studio del Jazz, dell’armonia e della lettura.
Attualmente svolge un’attività live molto intensa collaborando con numerose band nell’ambito Blues, Rock , Pop,  oltre che in qualità di arrangiatore e trascrittore, con autori come Valerio Billeri ed i Concido.

PIANOFORTE
Insegnante: Alessandro Sauzzi
Giorno di lezione: venerdì

Alessandro Sauzzi è un giovane musicista polistrumentista (pianoforte, chitarra e composizione) diplomato al Saint Luois College of Music in. Music popular jazz, studiando con i più importanti maestri attualmente in circolazione.
Nonostante la giovane età, già da diversi anni impartisce lezioni di pianoforte presso l’Accademia Musicale di Roma Capitale ed la ASC Teatro Della Dodicesima, dimostrando, in particolare, di essere un ottimo maestro con i bambini. Alessandro Cefalì si forma presso l’l’Università della musica di Roma per poi proseguire gli studi privatamente con grandi bassisti e docenti come  Gianfranco Gullotto, Luca Pirozzi, Massimo Moriconi, Andrea Avena, Marco Siniscalco, Pino Saracini e Giorgio Fontana, affrontando lo studio del Jazz, dell’armonia e della lettura.  Attualmente svolge un’attività live molto intensa collaborando con numerose band nell’ambito Blues, Rock , Pop,  oltre che in qualità di arrangiatore e trascrittore, con autori come Valerio Billeri ed i Concido.

Programma didattico I anno 
Lezioni da Ottobre a Giugno 3 ore settimanali
Il programma didattico del primo anno è volto all’acquisizione da parte dell’allievo di quella che definiamo “ credibilità scenica” . 
Al fine del raggiungimento di questo obbiettivo il programma si articola come segue ( il programma potrà ovviamente seguire delle modifiche a seconda della risposta della classe):

Lavoro di percezione scenica I modulo
Lavoro di percezione individuale I modulo
Gestione del corpo nello spazio I modulo
Gestione del corpo in relazione al compagno I modulo
Gestione del respiro come motore emotivo e motore del movimento in scena I modulo
Introduzione dei principi sull’analisi del testo 
Lavoro sul monologo
Lavoro teorico pratico sulla costruzione del personaggio
Esercitazioni pratiche mensili sulle scene
Lavoro sulla messa in scena dello spettacolo di fine anno

Il programma verrà integrato con un seminario di un mese che si concentrerà sulla voce e la dizione. Il programma è distaccato dal programma ordinario a fine di consentire all’allievo un maggiore approfondimento della materia. 


Programma didattico II anno
Lezioni da Settembre a Giugno 3 ore settimanali
Il programma didattico del secondo anno è ovviamente stabilito in base alle competenze acquisite dal gruppo nell’anno precedente. L’obbiettivo del corso è comunque volto all’acquisizione da parte dell’allievo di una maggiore naturalezza e controllo. Tutti i meccanismi appresi dovranno essere applicati con maggiore rapidità creando quindi dei “meccanismi automatici” che permetteranno all’allievo di concentrarsi sulla parte interpretatia.Il programma si articola come segue ( il programma potrà ovviamente seguire delle modifiche a seconda della risposta della classe):

Lavoro di percezione scenica II modulo
Lavoro di percezione individuale II modulo
Gestione del corpo nello spazio II modulo
Gestione del corpo in relazione al compagno II modulo
Lavoro sul respiro come motore dell’emozione
Lavoro sulla ricerca delle chiavi emotive
Studio dei modelli improvvisativi
Studio e analisi del dialogo 
Studio e analisi dei ritmi
Lavoro sulla messa in scena dello spettacolo di fine anno

Il programma verrà integrato con un seminario di un mese che si concentrerà sull’Analisi del testo, in cui verrà approfondita l’importanza per un attore di saper leggere e analizzare una drammaturgia in modo tale da agevolare la sua linea interpretativa in fase di costruzione del personaggio.  Il programma è distaccato dal programma ordinario a fine di consentire all’allievo un maggiore approfondimento della materia.
Inoltre durante l’arco didattico l’insegnante verrà sostituito da un collega per 1 mese di lezione (4 lezioni) che lavorerà con la classe sulle metodologie di costruzione attiva del personaggio.

Programma didattico III anno
Lezioni da Settembre a Giugno 3 ore settimanali
Nel terzo e ultimo anno il programma si concentra, anche in questo caso a seconda delle competenze acquisite dalla classe, sul creare quanto più possibile una autonomia scenica . 
Il lavoro quindi si concentrerà  sul creare una consapevolezza sempre maggiore di tutte le dinamiche che compongono la scena, ivi compresa la regia, in modo tale da consentire all’allievo di gestire e padroneggiare la sua interpretazione tenendo presente il meccanismo scenico di cui fa parte.
Il programma si articola come segue ( il programma potrà ovviamente seguire delle modifiche a seconda della risposta della classe):


Lavoro di percezione scenica III modulo
Lavoro di percezione individuale III modulo
Gestione del corpo nello spazio III modulo
Gestione del corpo in relazione al compagno III modulo
Basi di regia e messa in scena
Analisi di opere drammaturgiche e film
Costruzione del personaggio modulo III
Esercitazioni sulla costruzione autonoma di una scena
Studio dei ritmi della commedia brillante
Studio e esercitazione sugli stili 
Studio sulle dinamiche improvvisative modulo III
Lavoro sulla messa in scena dello spettacolo di fine anno


Il programma verrà integrato con un seminario di un mese che si concentrerà sull’Analisi del testo, in cui verrà approfondita l’importanza per un attore di saper leggere e analizzare una drammaturgia in modo tale da agevolare la sua linea interpretativa in fase di costruzione del personaggio.  Il programma è distaccato dal programma ordinario a fine di consentire all’allievo un maggiore approfondimento della materia.
Inoltre durante l’arco didattico l’insegnante verrà sostituito da un collega per 1 mese di lezione (4 lezioni) che lavorerà con la classe sulle metodologie di costruzione attiva del personaggio.

 

 

Comunicazioni importanti per gli allievi.

  • Gli spettacoli di fine anno sono programmati per il mese di Giugno. I giorni stabiliti sono il Sabato e la Domenica. Il Venerdì gli allievi saranno convocati in orario da accordare con il gruppo per la prova generale.
  • Le date precise dello spettacolo verranno comunicate entro e non oltre Febbraio.
  • Una volta comunicate e concordate le date insieme al gruppo lo spostamento delle stesse non potrà essere possibile se non per casi eccezionali.
  • Nel mese di Giugno potrebbe essere richiesto dall’insegnante di aumentare la frequenza degli incontri per esigenze di messa in scena. Anche in questo caso il gruppo si accorderà per trovare la data e l’orario migliore. Non verrà richiesto nessun costo aggiuntivo.
  • La presenza degli allievi alle lezioni sono necessarie al singolo e al gruppo stesso. Una frequenza discontinua è la prima causa di un lavoro mediocre che inevitabilmente si ripercuoterà sull’intera compagnia.  Sarà quindi di insindacabile decisione dell’insegnante l’estromissione dell’allievo a seguito di perpetrate assenze.
  • Allo stesso modo è fondamentale e parte integrante del processo formativo la partecipazione da parte degli allievi al seminario inserito nel piano didattico dall’insegnate. Poiché le date dello stesso verranno comunicate all’inizio dell’anno richiediamo allievo/a di organizzare i propri impegni per essere presente alle 4 lezioni programmate.
  • E’ una buona norma morale in caso di impossibilità nel venire a lezione avvertire l’insegnante e i compagni con adeguato anticipo ( 1 ora prima non è da considerarsi un tempo utile) L’insegnante prepara la lezione specificatamente per il gruppo, di conseguenza l’assenza di uno o più allievi influisce in modo sostanziale sul lavoro che viene svolto.
  • Nel caso di problemi da parte dell’insegnante verrà comunicato, con largo anticipo, l’annullamento della lezione. La stessa sarà recuperata durante l’anno accademico in accordo con tutti gli allievi.