Corsi di musica

Corsi di musica

Corsi Di musica




Programma didattico I anno

Il programma didattico del primo anno è volto all’acquisizione da parte
dell’allievo di quella che definiamo “ credibilità scenica” . 
Al fine del raggiungimento di questo obiettivo il programma si articola
come segue ( il programma potrà ovviamente seguire delle modifiche a
seconda della risposta della classe):

Lavoro di percezione scenica I modulo
Lavoro di percezione individuale I modulo
Gestione del corpo nello spazio I modulo
Gestione del corpo in relazione al compagno I modulo
Gestione del respiro come motore emotivo e motore del movimento in scena I modulo
Introduzione dei principi sull’analisi del testo 
Lavoro sul monologo
Lavoro teorico pratico sulla costruzione del personaggio
Esercitazioni pratiche mensili sulle scene
Lavoro sulla messa in scena dello spettacolo di fine anno

Il programma verrà integrato con un seminario di un mese che si
concentrerà sulla voce e la dizione. Il programma è distaccato dal
programma ordinario a fine di consentire all’allievo un maggiore
approfondimento della materia. 

Programma didattico II anno

Lezioni da Settembre a Giugno 3 ore settimanali
Il programma didattico del secondo anno è ovviamente stabilito in base
alle competenze acquisite dal gruppo nell’anno precedente. L’obbiettivo
del corso è comunque volto all’acquisizione da parte dell’allievo di una
maggiore naturalezza e controllo. Tutti i meccanismi appresi dovranno
essere applicati con maggiore rapidità creando quindi dei “meccanismi
automatici” che permetteranno all’allievo di concentrarsi sulla parte
interpretatia.Il programma si articola come segue ( il programma potrà
ovviamente seguire delle modifiche a seconda della risposta della
classe):

Lavoro di percezione scenica II modulo
Lavoro di percezione individuale II modulo
Gestione del corpo nello spazio II modulo
Gestione del corpo in relazione al compagno II modulo
Lavoro sul respiro come motore dell’emozione
Lavoro sulla ricerca delle chiavi emotive
Studio dei modelli improvvisativi
Studio e analisi del dialogo 
Studio e analisi dei ritmi
Lavoro sulla messa in scena dello spettacolo di fine anno

Il
programma verrà integrato con un seminario di un mese che si
concentrerà sull’Analisi del testo, in cui verrà approfondita
l’importanza per un attore di saper leggere e analizzare una
drammaturgia in modo tale da agevolare la sua linea interpretativa in
fase di costruzione del personaggio.  Il programma è distaccato dal
programma ordinario a fine di consentire all’allievo un maggiore
approfondimento della materia.
Inoltre durante l’arco didattico
l’insegnante verrà sostituito da un collega per 1 mese di lezione (4
lezioni) che lavorerà con la classe sulle metodologie di costruzione
attiva del personaggio.

Programma didattico III anno

Lezioni da Settembre a Giugno 3 ore settimanali
Nel terzo e ultimo anno il programma si concentra, anche in questo caso a
seconda delle competenze acquisite dalla classe, sul creare quanto più
possibile una autonomia scenica . 
Il lavoro quindi si concentrerà 
sul creare una consapevolezza sempre maggiore di tutte le dinamiche che
compongono la scena, ivi compresa la regia, in modo tale da consentire
all’allievo di gestire e padroneggiare la sua interpretazione tenendo
presente il meccanismo scenico di cui fa parte.
Il programma si
articola come segue ( il programma potrà ovviamente seguire delle
modifiche a seconda della risposta della classe):

Lavoro di percezione scenica III modulo
Lavoro di percezione individuale III modulo
Gestione del corpo nello spazio III modulo
Gestione del corpo in relazione al compagno III modulo
Basi di regia e messa in scena
Analisi di opere drammaturgiche e film
Costruzione del personaggio modulo III
Esercitazioni sulla costruzione autonoma di una scena
Studio dei ritmi della commedia brillante
Studio e esercitazione sugli stili 
Studio sulle dinamiche improvvisative modulo III
Lavoro sulla messa in scena dello spettacolo di fine anno

Il programma verrà integrato con un seminario di un mese che si
concentrerà sull’Analisi del testo, in cui verrà approfondita
l’importanza per un attore di saper leggere e analizzare una
drammaturgia in modo tale da agevolare la sua linea interpretativa in
fase di costruzione del personaggio.  Il programma è distaccato dal
programma ordinario a fine di consentire all’allievo un maggiore
approfondimento della materia.
Inoltre durante l’arco didattico
l’insegnante verrà sostituito da un collega per 1 mese di lezione (4
lezioni) che lavorerà con la classe sulle metodologie di costruzione
attiva del personaggio.

Comunicazioni importanti per gli allievi.

  • Gli spettacoli di fine anno sono programmati per il mese di
    Giugno. I giorni stabiliti sono il Sabato e la Domenica. Il Venerdì gli
    allievi saranno convocati in orario da accordare con il gruppo per la
    prova generale.
  • Le date precise dello spettacolo verranno comunicate entro e non oltre Febbraio.
  • Una
    volta comunicate e concordate le date insieme al gruppo lo spostamento
    delle stesse non potrà essere possibile se non per casi eccezionali.
  • Nel
    mese di Giugno potrebbe essere richiesto dall’insegnante di aumentare
    la frequenza degli incontri per esigenze di messa in scena. Anche in
    questo caso il gruppo si accorderà per trovare la data e l’orario
    migliore. Non verrà richiesto nessun costo aggiuntivo.
  • La
    presenza degli allievi alle lezioni sono necessarie al singolo e al
    gruppo stesso. Una frequenza discontinua è la prima causa di un lavoro
    mediocre che inevitabilmente si ripercuoterà sull’intera compagnia. 
    Sarà quindi di insindacabile decisione dell’insegnante l’estromissione
    dell’allievo a seguito di perpetrate assenze.
  • Allo stesso modo è
    fondamentale e parte integrante del processo formativo la
    partecipazione da parte degli allievi al seminario inserito nel piano
    didattico dall’insegnate. Poiché le date dello stesso verranno
    comunicate all’inizio dell’anno richiediamo allievo/a di organizzare i
    propri impegni per essere presente alle 4 lezioni programmate.
  • E’
    una buona norma morale in caso di impossibilità nel venire a lezione
    avvertire l’insegnante e i compagni con adeguato anticipo ( 1 ora prima
    non è da considerarsi un tempo utile) L’insegnante prepara la lezione
    specificatamente per il gruppo, di conseguenza l’assenza di uno o più
    allievi influisce in modo sostanziale sul lavoro che viene svolto.
  • Nel
    caso di problemi da parte dell’insegnante verrà comunicato, con largo
    anticipo, l’annullamento della lezione. La stessa sarà recuperata
    durante l’anno accademico in accordo con tutti gli allievi.
 
 
 

Marco Tempera

Tecniche di recitazione
Brief info

Marco Tempera nasce a Roma il 18/02/1983. La passione per la recitazione e per la regia nasce in lui giovanissimo,  grazie ai genitori, che sin da bambino gli fanno scoprire la magia del teatro e del cinema.

Subito dopo la fine del laboratorio lavora, ancora giovanissimo,  dal 2003 al 2005 lavora con Gigi Proietti per la messa in scena di Romeo e Giulietta. E’ li che cresce il suo interesse per la regia e l’insegnamento.

Immediatamente dopo decide di sostenere i provini nelle scuole nazionali Italiane e entra nel 2005 al Centro Sperimentale Di Cinematografia dove si diploma nel 2007.

La condizione essenziale del suo lavoro didattico è la sperimentazione e la ricerca continua. Attraverso il lavoro sul corpo, sul rapporto attoriale, cerca insieme all’allievo di trovare il proprio metodo, quello più funzionale e organico per far emergere l’emozione necessaria a coinvolgere e convincere lo spettatore.

Dal 2008 ad oggi è il responsabile del corso di recitazione del teatro della Dodicesima dove ha formato più di 160 studenti.

Recitazione

Master Class di Gilberto Scaramuzzo

La Master Class è condotta da Gilberto Scaramuzzo, direttore del Master in “Pedagogia dell’Espressione. Teatro, Danza, Musica, Arte, Sport: Educazione” dell’Università degli Studi Roma Tre; ideatore e coordinatore di progetti innovativi, sia in ambito artistico sia in ambito pedagogico, riconosciuti a livello internazionale.

Leggi...
Corsi di canto

Corsi di canto




Corsi Di CANTO

CANTO LIRICO
Mastro Sandro Ferri

CANTO MODERNO
Maestro Nicole Mastroianni

 

Corsi di Canto

Canto Lirico
Insegnante: M° Sandro Ferri
Giorno di lezione: martedì

Sandro Ferri si forma studiando canto con William Mc Kinney ed Elio Battagli, e perfezionandosi presso il Mozarteum di Salisburgo, l’Accademia Musicale Pescarese  sotto la guida del M° Battaglia e del Baritono Lucio Gallo, e l’ Accademia Hugo Wolf per l’alto perfezionamento nelle liederistica tedesca.
Nel 1996 viene scelto come Gabriele Adorno nel “Simon Boccanegra” di G. Verdi per interpretarne il ruolo presso l’Opera Studio tenuta dal Teatro dell’Opera di Roma.
Nel 1998 è unico tenore italiano a rappresentare il suo paese nell’“European Union Opera”; progetto della comunità europea che ha portato in Germania ed a Parigi 40 giovani cantanti scelti in tutta Europa, realizzando l’Eugeny Onegin di Tchaicovsky e il Beatrice e Benedict di Hector Berlioz.
Da circa dieci anni affianca alla sua carriera artistica una intensa attività didattica, insegnando canto lirico e leggero e realizzando eventi musicali e teatrali.

Canto Moderno
Insegnante: M° Nicole Mastroianni
Giorno di lezione: giovedì

Si avvicina a questo mondo all’età di 8 anni, dove studia pianoforte per 4 anni. Sempre più incuriosita dal canto inizia a frequentare un corso di canto moderno all’età di 14 anni con la docente Daniela Vergili, presso il Prato dei suoni, che la guida e la forma in tutto il suo percorso artistico.
Nel 2016 decide di intraprendere il percorso di attrice frequentando l’accademia STAP Brancaccio, dove studia anche regia e drammaturgia.
Ad oggi lavora come attrice teatrale, assistente alla regia ed insegnante di canto.
Nel suo corso molta è l’attenzione alla tecnica vocale e all’interpretazione di una canzone. Le sue lezioni mirano all’acquisizione della presenza scenica con particolare attenzione al potere della parola che, unito alla tecnica vocale, consente all’allievo di prendere consapevolezza delle proprie capacità sia tecniche, che emotive.